16 ottobre 2017 – Giornata Mondiale dell’Alimentazione: sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.

Il 16 ottobre di ogni anno la FAO celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione per commemorare la fondazione dell’Organizzazione nel 1945.

Nella nostra società quasi non riusciamo ad immaginare che si possa soffrire la fame. Molti di noi hanno da mangiare in abbondanza e, anzi, si preoccupano per la linea.

Potete immaginare che Ogni notte circa 800 milioni di persone vanno a letto affamate? Questo significa 1 persona su 9.

Il tema di quest’anno è la migrazione.

Negli ultimi anni c’è stato un enorme incremento nel numero di migranti nel mondo. La maggior parte dei migranti è piuttosto giovane: circa un terzo ha un’età compresa tra i 15 e i 34 anni. Il più alto numero di persone mai registrato dalla Seconda Guerra Mondiale è stato costretto ad abbandonare le proprie case a causa dell’aumento dei conflitti e dell’instabilità politica. Ma anche la fame, la povertà, ed un incremento degli eventi meteorologici estremi legati ai cambiamenti climatici sono fattori importanti che contribuiscono alla sfida della migrazione.

Ci sono 2.1 miliardi di persone povere al mondo e la maggior parte degli 800 milioni che soffrono la fame vivono in aree rurali.

Tutto questo ci sembra molto lontano dal nostro modo di vivere, ma anche noi nel nostro piccolo possiamo fare qualcosa per migliorare la situazione nel mondo… parafrasando Ghandi “sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”.

In primo luogo possiamo ritenerci fortunati di essere tra le persone che non sono costrette lasciare la propria casa o che non vanno a dormire soffrendo la fame. Prendersi un momento ogni giorno per essere grati per ciò che abbiamo ci farà cambiare prospettiva nella nostra visione della realtà.

Vediamo anche alcuni piccoli consigli per evitare gli sprechi:

1) Compra solo quello che ti serve

cerca di pianificare i pasti e rispettare la tua lista della spesa per evitare di buttare del cibo.

2) mangia anche la frutta e la verdura che non hanno un bell’aspetto

Frutta o verdura “non perfette” sono spesso gettate via perché non soddisfano gli standard estetici ma il sapore è lo stesso, se non migliore in alcune occasioni.

3) consumare preferibilmente entro / consumare entro

Quando sull’etichetta trovate scritto “consumare preferibilmente entro…” potete continuare a mangiare quel cibo per alcuni giorni.

4) limita il consumo di plastica

cerca di acquistare prodotti poco confezionati, portati la busta per fare la spesa, cerca di riutilizzare gli oggetti di plastica come tazze e bottiglie

5) fai la raccolta differenziata

Articolo a cura della