E se muore prima lui?

La richiesta

Nubile, 45 anni ho sposato x amore un uomo di 30 anni più  di me, sapendo bene che avrebbe avuto problemi di salute. Dopo 2 anni , ora lui a cominciato a non stare bene e non c è  giorno che non mi ripeta che sta’  morendo e che devo abituarmi al idea che presto non ci sarà  più.  X me mio marito è…..L Aria Che Respiro e stò  male solo al pensiero che potrà  mancare. Vivo in ansia. Perché si comporta cosi?

La psicologa risponde

Salve M., e grazie per averci esposto la sua condizione. Accettare il tempo che passa non è facile per tutti e con il passare degli anni si pensa sempre di più alla fine della nostra vita. Questo pensare però provoca ansia rendendo le giornate un’attesa dell’infausto giorno. Le consiglio di non pensare a quel giorno come qualcosa di imminente perché oggi le prospettive di vita si sono allungate notevolmente e potrete passare ancora tanti anni insieme. Potete decidere di passare questo tempo dominati dall’ansia per qualcosa che sicuramente accadrà, come per tutti, o volete impiegare questo tempo respirando ancora? Nel momento in cui nasciamo accettiamo il compromesso di morire, tutto ciò che c’è tra questi due eventi è Vita, Vita che possiamo condurre nel miglior modo possibile, Vita che possiamo gestire. Per la vostra coppia il tempo non è stato un problema ed avete accettato la differenza d’età con consapevolezza, accomunati da interessi o hobby, perché non impiegate il vostro tempo in qualche attività che vi faccia sentire vivi e vi aiuti a riscoprire le vostre passioni?

Nel momento in cui quest’ansia non permette a lei o a suo marito di gestire le vostre vite, vi toglie l’aria che respirate e sentite che sta diventando invalidante le consiglio di consultare un terapeuta, in particolare l’approccio strategico si è rilevato molto efficace per i disturbi d’ansia.

Spero di esserle stata utile

Buona vita

 

Dott.ssa Veronica Dell’Oste