La psicologa risponde: le emozioni hanno vari aspetti

LA RICHIESTA:

Salve , ho il mio figlio di 8 anni che da 4-5 ha un tic. Molto spesso muove gli occhi verso l’alto . Lui si è reso conto di questi gesti. Durante le vacanze questo tic era raro ora con la scuola si è accentuato. Come dobbiamo comportarci grazie.

DAVIDE

LA PSICOLOGA RISPONDE:

Gentile genitore, grazie per averci inviato la sua richiesta ed averci mostrato la sua preoccupazione. Capisco la sua apprensione e le consiglio di osservare meglio questi sintomi, per esempio quando sono iniziati, quando il bambino ha iniziato ad accorgersene, quante volte si ripetono in un giorno?

Tutte queste accortezze le faranno comprendere meglio il periodo che sta attraversando suo figlio e come reagisce alle emozioni. Per esempio sarebbe utile osservare in quale modo suo figlio manifesta le sue emozioni, riesce a confidarsi con voi? Piange spesso o tiene tutto dentro? Qualcun’altro nella vostra famiglia soffre di questo disturbo o manifesta un comportamento simile? Ci sono delle attività dove non si manifesta questo tic?

Le faccio tutte queste domande perché molti bambini soffrono di tic infantili che possono iniziare a manifestarsi intorno ai 6-7 anni e nella maggior parte dei casi tendono a dissolversi da soli. Questi tic possono essere legati a delle situazioni particolarmente stressanti (infatti durante le vacanze si erano attenuati) , a dei forti cambiamenti, a delle aspettative troppo alte che generano ansia.

Nel frattempo posso darle dei consigli:

  • Non tenti di correggere questo tic perché spesso è involontario e il bambino non se ne accorge.
  • Non deridere il bambino né in casa né a scuola, anzi sdrammatizzare gli eventi.
  • Valorizzi le attività in cui non viene valutato come le attività di gioco e sportive.
  • Invogliare il bambino a manifestare le sue emozioni, la rabbia, la preoccupazione, la tristezza, qualsiasi emozione. Fatevi raccontare che cosa sente.
  • Minimizzate questo problema e parlatene solo se ve lo chiede lui.

Se il disturbo continua a persistere per quasi un anno le consiglio di parlarne con il pediatra.

Nel salutarla la lascio con questa citazione di K. Gibran perché non sempre le emozioni hanno un solo aspetto ma si manifestano comunque nella nostra splendida bellezza.

L’aspetto delle cose varia secondo le emozioni; e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi”.

 

Dott.ssa Veronica Dell’Oste

 

 

 

 

Per seguire i miei eventi 

Visita il Blog http://veronicadelloste.blogspot.it/ 

oppure clicca “Mi Piace” alla pagina fb Psicologa-Psicoterapeuta Dott.ssa Veronica Dell’Oste